Perchè The Handmaid’s Tale di Margaret Atwood non è solo un romanzo femminista

Nolite te bastardes carborundorum. Non lasciare che i bastardi ti schiaccino, c’era scritto su molti cartelli portati dalle donne alla Women’s March su Washington all’indomani della cerimonia ufficiale di insediamento di Donald Trump. La frase non è stata inventata lì per lì ma è una citazione da uno dei romanzi più belli pubblicati negli ultimi decenni, Il racconto dell’ancella (The Handmaid’s Tale) di Margaret Atwood.

Un long seller che ha venduto dagli anni ’80, quando è stato pubblicato, in avanti milioni di copie e continua a farlo, tradotto in decine di lingue (in Italia da Mondadori e da Ponte delle Grazie).

handmaidIn un futuro non molto lontano le fonti di ricchezza e di conflitto per l’umanità non saranno né l’acqua né il petrolio ma la capacità procreativa delle donne. La Terra è messa in ginocchio dalle guerre, dall’inquinamento, e dalle nascite azzerate. Nell’America del Nord un potere feroce e tirannico, la Repubblica di Gilead, governa con il pugno di ferro e ha schiavizzato le donne in età fertile, utilizzate al solo scopo di procreare, mentre le altre vengono eliminate. Le Ancelle appartengono in tutto e per tutto, a iniziare dal loro nome, ai loro padroni, i Comandanti, che reggono le sorti della Repubblica. Difred (Offred in inglese), la protagonista e voce narrante, accetta passivamente, terrorizzata dalle conseguenze, le attenzioni particolari del Comandante Fred, al quale è stata assegnata, che oltrepassa i limiti imposti dai teologi di Gilead che applicano alla lettera i precetti biblici della Genesi, e per tale motivo verrà punito.

Difred teme soprattutto di non poter più rivedere la figlia, che le è stata sottratta e data in adozione e, appreso della sterilità di Fred, si rivolge a Nick, con cui intrattiene una relazione, per farsi inseminare, ma le cose sembrano non andare per il giusto vero… Solo alla fine scopriremo che qualche tempo dopo qualcuno ha ritrovato il suo diario, che Difred è riuscita a fuggire e che Gilead sarà sconfitta.

(Offred) è composto da un nome di uomo, “Fred”, e un prefisso che indica “appartenere a”, quindi è come “de” in francese o “von” in tedesco o come il suffisso “figlio” nei cognomi inglesi come Williamson. All’interno di questo nome è nascosta un’altra possibilità: “offerta”, che indica un’offerta religiosa o una vittima offerta per il sacrificio. Perché non impariamo mai il vero nome del personaggio centrale, mi è stato spesso chiesto. Perché, rispondo, tante persone durante la storia hanno avuto i loro nomi cambiati o sono semplicemente scomparsi dalla vista. … A un certo punto, durante la scrittura, il nome del romanzo si è trasformato in “The Handmaid’s Tale”, in parte in onore dei “Canterbury Tales” di Chaucer, ma anche in riferimento a fiabe e racconti popolari: la storia raccontata dal personaggio centrale coinvolge i lettori in (qualcosa che ha) dell’incredibile, del fantastico, come fanno le storie raccontate da coloro che sono sopravvissuti a disastri immani.

The-Handmaide 2019s-Tale-huluIl romanzo della Atwood  non è, però,  una favola ma il ritratto implacabile e terribile dei totalitarismi di ogni epoca, fomentati dal fondamentalismo religioso, e una denuncia impietosa del secolare dominio maschile, anticipando temi che intersecano la libertà femminile e il corpo delle donne, destinati a diventare cruciali negli anni successivi. Temi che hanno scatenato all’epoca un pesante ostracismo e diverse polemiche, destinate a rinverdirsi in questi mesi con l’uscita su Hulu, una piattaforma streaming, della serie Tv che ne è stata tratta (ci aveva provato al cinema già Volker Schlondorff) che sceglie di porsi nel solco del romanzo già nel titolo e nella estrema fedeltà al testo e al suo spirito, oltre ad omaggiare la scrittrice canadese con un cammeo.

L’angoscia di un mondo avviato verso la catastrofe si specchia nella disperazione delle donne di Gilead, ridotte a puro apparato riproduttivo, schiave sessuali senza più identità né passato e un futuro incatenato al proprio destino di madri. Alla fine è Difred a vincere. E’ lei a mantenere vivo il fuoco della sua memoria, è lei a scrivere la sua storia e quella delle sue sorelle, confidando che qualcuno un giorno possa trovarla e renderla pubblica. La sua testimonianza diventa così un atto di speranza, nel genere umano e nel suo futuro.

A chi le chiede se Il racconto dell’ancella è un romanzo “femminista” la scrittrice risponde:

Se si intende un trattato ideologico in cui tutte le donne sono angeli e / o vittime, incapaci di scelte morali, no. Se si intende un romanzo in cui le donne sono esseri umani – con tutta la varietà di carattere e comportamenti che questo implica – e sono anche interessanti e importanti, e ciò che accade a loro è fondamentale per il tema, la struttura e la trama del libro, allora sì . In questo senso, molti libri sono “femministi”. Perché interessante e importante? Perché le donne sono interessanti e importanti nella vita reale. Non sono uno parentesi della natura, non sono giocatori secondari nel destino umano e ogni società lo ha sempre saputo. Senza le donne in grado di dare vita, i popoli moriranno. È per questo che la violenza di massa e l’omicidio di donne, ragazze e bambini è da tempo una caratteristica delle guerre genocidarie e di altre campagne intese a sottomettere e sfruttare un popolo. … Il controllo delle donne e dei bambini è stato una caratteristica di ogni regime repressivo del pianeta
. …

Margaret Atwood in realtà nel tessere la trama della storia di Difred si è allontanata man mano anche dai sentieri dellahandmaidstale distopia per entrare nel labirinto del nostro presente, scegliendo di raccontare solo ciò che il genere umano ha commesso <<da qualche parte nel mondo e in qualche periodo della storia>. La riduzione in schiavitù delle donne praticata a Gilead non è un ricordo del passato, così come il razzismo, le deportazioni e gli stermini di intere popolazioni esercitati massivamente in questo stato di polizia che ricorda l’impero sovietico o la DDR e le loro propaggini contemporanee.

Sull’onda delle recenti elezioni americane, le paure e le ansie si proliferano. Le libertà civili fondamentali sono considerate minacciate, insieme a molti dei diritti delle donne conquistati negli ultimi decenni, e in realtà nel corso dei secoli. In questo clima divisivo, in cui l’odio per molti gruppi sembra in aumento e il disprezzo per le istituzioni democratiche è espresso da estremisti di tutte le risme, è una certezza che qualcuno, da qualche parte – molti, immagino – stia scrivendo ciò che sta succedendo e che stanno sperimentando. O lo ricorderanno e registreranno più tardi, se possono farlo. I loro messaggi saranno soppressi e nascosti? Saranno trovati, secoli dopo, in una vecchia casa, dietro un muro?

(Nelle immagini alcuni frame dalla serie Tv The Handmaid’s Tale)

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

09. maggio 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *