Cinema: Uscirai sano, storie di un manicomio ‘aperto’, prima e dopo Basaglia

Uscirai-Sano-_girifalco2

Sanus egredieris. Uscirai sano. E uscire è il pensiero che domina inesorabile ogni istante della tua esistenza, un giorno dopo l’altro, da quando tua madre ti ha chiuso in manicomio, a nove anni. Senza darti spiegazioni, senza un perché. Ora non sei più un bambino, sei cresciuto, dopo 36 anni dall’ospedale psichiatrico (come si chiama oggi) sei uscito, sei tornato a riprenderti quella vita che qualcuno ti ha rubato.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

22. settembre 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: | Leave a comment

Shiatsu: l’arte di vivere in pace e la cultura della complessità

cum_6_1_00034435a, 6/8/04, 3:14 PM,  8C, 3944x6078 (977+1752), 100%, Repro 2.2 v2,  1/40 s, R89.5, G75.2, B84.2

Seicento anni prima della nascita di Cristo il venerabile medico coreano Kam Jin venne chiamato in Giappone per applicare i principi della medicina cinese all’imperatore Ingyo. Saranno il cinese Jian Zhen e i medici buddisti a proseguire l’opera di diffusione nelle isole delle tradizioni di salute cinesi come le pratiche con le mani citate nell’ Eiga-monogatari (Racconto dello Splendore), opera collettiva firmata anche dalla poetessa Akazome Emon, che testimonia il loro capillare radicamento in ogni ceto sociale in tutto il Giappone. Un sapere a lungo coltivato e sviluppato nel Sol Levante, fino a porre le basi nel secolo scorso dello Shiatsu.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

20. settembre 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , | Leave a comment

Oum Kulthum, la voce, il mito. Shirin Neshat le dedica un film

oum kalthum 3

Si è tinta di rosa la 74ma edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Donna la presidente della Giuria (Annette Bening), donne le protagoniste dei film premiati (la Hannah di Andrea Pallaoro interpretata da Charlotte Rampling, che si è aggiudicata la Coppa Volpi per la miglior interprete femminile; la Elisa di Shape of Water di Guillermo del Toro, vincitore di Venezia 2017), donne le eroine di buona parte dei film in concorso. Donna è una leggenda assoluta della musica mediorientale, e non solo, Oum Kulthum.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

12. settembre 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , | Leave a comment

Mariella Mehr, storia di un genocidio dimenticato. Un film di Valentina Pedicini

dove cadono le ombre 1 mehr

Tutto mi era insopportabile. L’unico modo di sopravvivere era non legarsi a nessuno. Non eravamo bambini: ci avevano sottratto ai genitori, ci trattavano come cavie, non esisteva l’amore. Per me la questione primaria era restare in vita”. Parla al passato Mariella, ma passato e presente sono un tempo unico nelle sue liriche e nei romanzi. Mariella Mehr è una delle centinaia di bambine e bambini di etnia Jenisch che negli anni ‘20 vengono sottratti ai propri cari per essere assegnati a famiglie svizzere o internati in istituti. Un calvario che porta Mariella da un ospedale psichiatrico all’altro e in carcere.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

04. settembre 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , | Leave a comment

Davanti all’aggressività umana. Istantanee del presente

barcelona1.jpg.pagespeed.ce.qNBlb8IAPy

Il soldato leva in alto la spada, pronto a colpire il bambino schiacciato a terra, sotto il suo piede, mentre la madre, il volto contorto in un grido disperato, cerca di fermarlo. In un riquadro, tra le gambe del soldato, una donna cerca di mettere in salvo il figlioletto, celato all’interno di una coperta. Alla sinistra del soldato, un’altra donna rivolge al cielo un urlo di dolore e rabbia, tra le braccia il suo piccolo privo di vita, gli arti disarticolati come quelli di un burattino. Sulla scena domina un cielo di un azzurro rarefatto nel quale si addensano nuvole plumbee. Sto ammirando Le Massacre des Innocents di Nicolas Poussin quando arrivano sul web le prime immagini dell’ attentato sulle Ramblas a Barcellona. Nello sguardo degli uni –i sopravvissuti all’attentato- e degli altri –i protagonisti de Le Massacre– compaiono lo stesso smarrimento e lo stesso orrore dinanzi all’indicibile.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

28. agosto 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , , | Leave a comment

Arte contemporanea: Face to face, meccanismi maieutici per indagare il presente

facetofacelogo

Un pesante portone si apre su quello che un tempo è stato anche un carcere. Siamo a Montefiascone, diecimila anime e una vista mozzafiato sul lago di Bolsena. Nata dall’esplosione di un vulcano che ha impresso per sempre il suo marchio su una città, che è stata un baluardo etrusco e poi un roccaforte papale, strategica per la sua posizione, da cui sono passati Matilde di Canossa e papa Gregorio VII, l’imperatore Enrico V e Rossini.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

04. agosto 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: | Leave a comment

Raffaele Montepaone, scatti di una Calabria arcaica e resiliente

raffaele montepaone lyfe donne 3

Mani che sgranano i grani di un rosario. Mani riposte in grembo, in una posa arcaica che appartiene solo alle donne del Sud, impronta corporea, segnale di quiete, di paziente attesa e rassegnazione atavica. “Comu vo’ Diu!” sussurrano sommesse le labbra e le mani insieme. Mani solcate da fitti reticoli di vene, scurite dal sole e dall’acqua, devastate dall’artrite, nodose come rami di un albero. Mani racchiuse l’una sull’altra come una pietra, spigolosa e compatta. Mani che coprono il viso, chiuso all’esterno nel raccoglimento della preghiera o nella voragine del dolore.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

26. luglio 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: | Leave a comment

Rivoluzione, rivoluzione rivoluzione. Se ne parla alla Scuola di Filosofia di Roccella Jonica

Rivoluzione-IV stato

Un’ americana, un russo e un calabrese. Non è una barzelletta, ma sono i protagonisti di un episodio curioso avvenuto un secolo fa. Mary Pickford e suo marito, Douglas Fairbanks, star luminosissime del cinema americano degli esordi, nel 1926 compiono un viaggio in Unione Sovietica. Una troupe del cinegiornale li segue nel corso delle loro giornate e riprende anche un bacio dato dall’attrice all’attore Igor Ilyinski. A capo della troupe russa c’è un regista, Sergei Komarov, che decide di usare la scena per farne un film, intitolato, guarda un po’, Un bacio da Mary Pickford. Il tutto all’ insaputa, tanto per usare un termine abusato, delle due stelle hollywoodiane che, a quanto pare non ne seppero mai nulla, nonostante il film fosse prodotto dalla Mezhrapom Film Studios, esatto contraltare in terra russa degli Studios hollywoodiani, fondata, pensate un po’, da un calabrese, Francesco Misiano.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

20. luglio 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , | Leave a comment

Nabokov, la letteratura, la caccia alle farfalle e le cose trasparenti

nabokov2

Il dettaglio è sempre il benvenuto, scrive nella sua biografia, Parla, ricordo. E il dettaglio è il punto costante di approdo e di ripartenza, testardamente cercato, di volta in volta creato e ricreato in tutte le sue opere da Vladimir Nabokov. Potrebbe essere diversamente, del resto, per l’appassionato scacchista che trascorre ore intere a svelare le imponderabili leggi combinatorie degli scacchi? O per lo scrittore-entomologo che passa le sue notti chino sul microscopio a studiare farfalle, cercando di decifrare il mistero di quei corpi impalpabili e lievi?

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

17. luglio 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , | Leave a comment

Classici da non perdere: Infanzia berlinese di Walter Benjamin

walter-benjamin

Non sapersi orientare in una città non significa molto. Ci vuole invece una certa pratica per smarrirsi in essa come ci si smarrisce in una foresta. I nomi delle strade devono parlare all’errabondo come lo scricchiolio dei rami secchi, e le viuzze del centro gli devono scandire senza incertezze, come in montagna un avvallamento, le ore del giorno. Quest’arte l’ho appresa tardi: essa ha esaudito il sogno, le cui prime tracce furono i labirinti sulle carte assorbenti dei miei quaderni….La via verso questo labirinto, cui non mancava la sua Arianna, passava sul ponte Bendler…”.

Continue Reading →

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

10. luglio 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , | Leave a comment

← Older posts

Newer posts →