Leggi, guardati intorno, lasciati ispirare, scrivi

Scrivere significa non essere più te stesso, ma vivere in un universo che hai immaginato tu“. Firmato, Gustave Flaubert, che di scrittura e di universi se ne intendeva e parecchio. A prendere a prestito le parole del geniale creatore di Madame Bovary è  Chloe Henderson in un libretto con cui ho inaugurato il nuovo anno, intitolato Ispirazione e Motivazione per Scrittori, edito in Italia da Curci, che, navigando tra aforismi, citazioni, suggerimenti veloci, offre una serie di spunti, ovvi e meno ovvi, per chiunque si accinga a mettere mano alla pagina bianca.

colin-the-fall-of-faetonNon si tratta del solito manuale di scrittura dotto e argomentato, che aiuta gli adoratori di Seshat, la dea egizia della scrittura, ad entrare nel  magico mondo delle parole e ad impadronirsi delle regole auree che presiedono intrecci e personaggi, ambienti e dialoghi, sottraendosi ai tranelli in cui incappano inesorabilmente i malcapitati apprendisti stregoni, bensì un agile, ironico, coloratissimo taccuino da leggere, scarabocchiare, annotare, ritagliare, da cui farsi ispirare, e motivare, per viaggiare in un universo sempre più frequentato ma assai difficile da percorrere dall’inizio alla fine.

Se sempre più numerosi sono infatti gli aspiranti scrittori, disposti a occuparsi di tutti gli aspetti che riguardano la pubblicazione dei loro testi (copertina compresa), a dividersi tra una presentazione e una comparsa in Tv, a presidiare 24 ore su 24 i social, le firme che contano sulle grandi testate e i blog per promuovere i loro libri, i lettori -come i critici- sono invece diventati merce rara e la letteratura è ormai un tassello dell’industria dell’intrattenimento di massa. Basta guardare le classifiche per farsi un’idea. Con buona pace dei piccoli editori che hanno il coraggio di puntare su testi che altrimenti non troverebbero nessuno spazio e su nuove nicchie di pubblico.

colin-newa-5E invece per scrivere non bisogna solo prendere carta e penna o aprire un foglio word ogni giorno della tua vita ma anche leggere, leggere generi e stili diversi, suggerisce la nostra Chloe, per imparare vocaboli nuovi e per affinare lo spirito critico, per creare uno stile e un linguaggio tutto tuo, per fare esperienza dei successi e soprattutto dei fallimenti altrui -e propri-.

Per non dimenticare che nel corpo a corpo con la pagina bianca bisogna avere coraggio e autostima, in pari dosi,  flessibilità e pazienza, capacità di portare lo sguardo fuori e di scrutarsi dentro, diventare campioni del guardare e del mettere in forma il mondo con le parole. Sperando che l’impulso e le idee insufflate da uno spirito divino  (come suggerisce la radice latina inspiratio) ci aiutino nel difficile compito di traghettatori di storie, come amava dire John Berger, uno degli ultimi narratori di razza, che ci ha lasciato ad inizio d’anno.

(Nelle foto opere di Gianluigi Colin)

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

05. gennaio 2017 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *