Extraordinary visions, 70 anni di storia italiana in mostra al MAXXI

Visi di bambini di razze diverse, solari, sorridenti, sognanti o pensierosi, imbarazzati o immusoniti, impresse in centinaia di foto, si sporgono dalla facciata del MAXXI a Roma.

L’allestimento si intitola Costruiamo la comunità del XXI secolo e si inserisce nel progetto InsideOut, firmato dallo street artist francese JR che lo sta portando in giro per il mondo. Facce che raccontano un Paese multiculturale, multietnico e plurale, uno spaccato significativo, ma non il solo, dell’Italia del Terzo Millennio esplorata dalla mostra Extraordinary Visions. L’Italia ci guarda, aperta al MAXXI sino al 23 ottobre. Una finestra aperta su un’Italia a geometria variabile, filtrata dall’occhio di 40 grandi fotografi, da Letizia Battaglia a Gianni Berengo Gardin a Francesco Zizola a Silvia Camporesi con il suo Atlas Italiae.

17_MAXXI_InsideOutJR_CostruiamoComunitàXX_2016_4826150 foto, video, per comporre una mappa di ciò che siamo o che vorremmo essere, utilizzando come piani di lettura l’arte, l’architettura, la cultura, la moda, il paesaggio. Ma l’obiettivo fotografico ritrae anche un Paese che è cresciuto man mano attraverso la stagione delle lotte politiche e sindacali, le occupazioni, le leggi sul lavoro femminile, la piaga della disoccupazione, i movimenti carsici di un tessuto sociale ed economico che la crisi degli ultimi anni ha scosso in profondità.

Un racconto che parte dal made in Italy, che compendia identità e storia, ma anche il marchio noto in tutto il mondo, per assumere lo sguardo dell’antropologo e del sociologo che indagano mutamenti minimali ed epocali intervenuti nel corpo fisico del territorio, nei suoi paesaggi, sedimentati nell’immaginario comune e oggetto di stereotipi versus i paesaggi reali, quelli delle coste invase dal cemento, delle città e delle sue periferie relegate al ruolo di dormitori,  abbandonate a sé stesse, di fette –purtroppo sempre più ristrette- di territorio sottratte alla mano dell’uomo per essere restituite alla natura.

Extraordinary-Visions.-L’Italia-che-ci-guarda-Maxxi-Roma-6La mostra indaga anche Il corpo dello Stato, gli spazi istituzionali dove si amministra e si esercita il potere politico, ma anche quelli in cui si dispensa un altro tipo di potere, quello criminale. E viene in mente la teoria dei due corpi del re, che si radica nel Medioevo, che affianca al corpo fisico del regnante quello simbolico, metafora di un potere perenne e incorruttibile che travalica l’uomo per conferire legittimazione piena all’autorità.

Davanti all’obiettivo scorrono volti e luoghi di 70 anni di storia repubblicana, che la mostra intende celebrare, frammenti di ordinaria quotidianità che sfuggono a ogni tentativo di incasellamento perché pezzi di una realtà impalpabile e sfuggente, mutevole e oscura, che percorre la dimensione quotidiana dell’esistenza e la stravolge, capovolgendo spesso l’ordinario nell’ extra-ordinario. Spazio esteriore che combacia a perfezione con quello interiore, un legame esplorato più volte dall’arte e dalla letteratura, dal cinema e dalla fotografia, dai paesaggi urbani di Ghirri alle periferie di Basilico alle geometrie abitative di Gomorra, nella trasposizione cinematografica di Matteo Garrone, spazi liminali, marginali e deserti, perfetta rappresentazione del Bel Paese.

 

La riflessione sul paesaggio, oggi, implica necessariamente un’indagine della sua dimensione sociale e politica. L’Italia non è semplicemente un luogo geografico, ma anche e soprattutto – come sempre, del resto – uno spazio mentale. E come tale gli artisti migliori delle ultimi decenni lo stanno impiegando, descrivendo, usando. Il paesaggio italiano è spettrale, degradato, sfuggente, inafferrabile, evanescente, inabitabile: ma proprio per questo, interessante. (Christian Caliandro su @minima&moralia)

extraordinary visions 2-4d05-9262-14c735f61a0a

Vista dalla terrazza della casa di Francesco Schiavone, Casal di Principe, Caserta, 2013 Francesco Schiavone è stato a lungo il leader del clan camorristico dei Casalesi, arrestato nel 1998 e condannato in via definitiva all’egastolo nel 2008. Una delle sue proprietà in Via Bologna a Casal di Principe è stata assegnata all'associazione Agrorinasce, che nel 2009 ha incaricato come soggetto gestore l'associazione La Forza del Silenzio. For many years Francesco Schiavone was the leader of the Casalesi clan of the Camorra. He was arrested in 1998 and received a final sentence of life imprisonment in 2008. One of his properties in Via Bologna in Casal di Principe was assigned to the Agrorinasce association, which entrusted its management to La Forza del Silenzio association in 2009.

Vista dalla terrazza della casa di Francesco Schiavone, Casal di Principe, Caserta, 2013

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

16. giugno 2016 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: , | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *