Achille Curcio, il dialetto e il potere salvifico della parola

La verginità del dialetto, con quanto di equivoco può in essa sussistere, correda subito di una ragione poetica … gli oggetti che semplicemente vengono”. “Riprendendo un’idea di Coleridge, si potrebbe dire che la poesia dialettale è un paesaggio notturno colpito a un tratto dalla luce. Per quanto mediocre essa sia … pone sempre di fronte a un fatto compiuto, con tutta la fisicità di una nuvola o di un geranio…”. Così scrive Pier Paolo Pasolini negli anni ’50 parlando della scelta del dialetto come mezzo espressivo più autentico, laboratorio linguistico e culturale capace ogni volta di creare e ri-crearsi, di re-inventare l’esistente, di ri-nominare le cose.

Tema più volte sondato da Pasolini come da Montale, da Pascoli e da Achille Curcio, uno dei maggiori poeti contemporanei, che qualche giorno fà ha spento 85 candeline.

85 anni e non dimostrarli. Specialmente se hai dedicato la tua vita alla poesia, e alla poesia in dialetto calabrese in particolare, portata nei borghi nelle città del Bel Paese. E poi in Svizzera e poi in Canada e in Australia. Ma il centro di gravità permanente è Catanzaro e lo Jonio sul quale si affaccia la casa amatissima, luogo dove ritStamparovarsi per scrivere, leggere, studiare, incontrare gli amici e i numerosi ospiti che arrivano da lontano per poterlo vedere e ascoltare i suoi versi. La casa che dà sul mare fedele custode del mito, luogo dove coltivare le proprie visioni, meditare sulla nostra fragile esistenza e le sue infinite variabili, dove cantare e cuntari, in attesa di celebrare giorno dopo giorno il rito eterno della parola poetica.

 

U poeta capiscia ca nt’o mundu ’a vita è sulu sonnu: nu sonnu a voti longu, e a voti curtu e amaru che poi diventa eternu…

Il poeta e la sua responsabilità di sorvegliare il mondo e svelare la verità. Di gridare come Cassandra per essere ascoltato, come scrive Grace Paley. La poesia dialettale come scelta di campo perché solo strumento capace di restituire con immediatezza e potenza lo scorrere tumultuoso della esistenza, il cui moto perpetuo trascina tutto con sé, passato, presente e futuro, ansie e speranze, l’amuri e li nganni.

De tutti li jochi chi fici guagliuna/non resta cchiù nenta nte chista sirata;/eppuru sti strati, stu vecchiu purtuna/mi furu cumpagni nte chiddha jornata,/chi tuttu era jocu, chi tuttu era cantu/si u celu mustrava d’azzurru nu mantu./De tutt’i speranzi cuvati nt’o cora/non resta na scagghia cà tuttu sparìu;/chist’anima trema videndu ca fora/na negghia passandu stu celu tingiu/e tuttu cumpara de niru velatu/stu mara, stu sula, stu mundu cangiatu./ Nte chista sirata domandu a lu ventu/duva iddhu portau la mia giovinezza;/e duva mo porta stu caru lamentu/de st’anima nira, cchiù nira ‘e na pezza./Lu ventu rispunda ca tuttu scumpara,/cà resta la vita na vera hjumara./Hjumara chi porta lontanu l’affanni/d’o riccu signura, d’o peju sciancatu,/li belli jornati, l’amuri e li nganni,/speranzi, suspiri, nu sonnu spezzatu./Hjumara maligna chi tuttu trascina/e poi cu nu vuddhu ti scriva la fina. (Hjumara)

In pochi autori dialetto e linguaggio poetico si saldano in modo così straordinario, in un universo mIMG_0119ultiforme di segni e temi che attestano la perdurante vitalità del parlato, che si nutre di scambi e moti continui, che nel contaminarlo e ibridarlo non ne intaccano la purezza quanto ne manifestano e ne rinnovano ogni volta, piuttosto, l’intatta forza espressiva.

Moti in cui si innesta anche il poeta quando prende in mano la materia linguistica, la impasta, la trangugia, la metabolizza e la riporta a nuova vita. E ogni volta il ritorno alla lingua materna è epifania creativa e segno di resistenza all’omologazione dei linguaggi, testimone vivo della sopravvivenza di un mondo, di una cultura, della parola che dalla periferia dell’impero chiede a voce alta di essere ascoltata, in una realtà sempre più sorda.

Nell’incanto del suono e della melodia si traducono riflessioni, ricordi, moti dell’animo, IMG_0118immagini racchiuse nello scrigno del proprio passato (‘U poeta non rida), città (La mia Catanzaro) stappate all’invisibilità per diventare protagoniste esse stesse (dalla Londra di Virginia Woolf alla Trieste di Svevo sino alla Marsiglia di Izzo, gli esempi sono infiniti) dell’universo lirico dell’autore.

Il tormento dell’urgenza di esprimersi e la sofferenza della tensione poetica nel dare nome alle cose si sciolgono, come scrive Luigi Tassone, che di Curcio è il maggiore studioso, nella capacità del poeta catanzarese di raccontare con voce chiara e limpida la tragicità contemporanea, ma anche nella sua fiducia nel “guardare ad occhi aperti tanta contraddizione”.

Campamma tanti seculi cuntenti/ e sta terra nci dava u necessariu/m’ammucciamu d’a fama li lamenti/macari cu na pezza pe sipariu./Poi vinnaru currendu cu i cavaddhi/‘e luntanu sordati piemontisi/portandu guerra, siminandu paddhi,/cà avianu de jungìra li paisi./S’avia de fari randa lu stivala/pe cacciara a pedati i forestieri;/s’avìa de dara pana a lu cozzala/e cangiara d’o polulu i penzeri./E tu, Calabria mia, mancu cangiasti/doppu cent’anni e cchiù la malasorta;/perdisti li patruni chi cacciasti/e pe la genta toi ncignau la morta./Partiru i megghiu, quasi a na murrata,/ma cercanu a la genta chi chi cacciamma/pe carità nu pana e na vuccata,/pe spamara a la casa figghi e mamma./Ma cercanu scornusi nu lavuru/chi tu, Calabria mia, non ci poi dara,/cà ti sonau l’Itallia lu mortoru/e ti stendiu pietusa nte na vara./(…) Poveri figghi, chi, tornandu a tia,/ti trovanu cchiù vecchia e abbandunata,/cà nuddhu ti curau sta malatia/e nuddhu cchiù ti porgia na vuccata./Restamma tanti seculi aspettandu,/mpingiuti a la finestra ma guardamu/si d’a marina u juornu jia spuntandu/cchiù chiaru, cu allegrizzi ma guardamu./Restamma cu stu mara chi nci canta/na canzuna ‘e speranza e de dulura;/a panza nci restau sempe vacanta,/mutu lu focu e muta la frssura./E l’arva è sempa nira, mai si cangia;/si sta strudendu ‘u micciu a la lumera;/la genta ancora crida, ancora ciangia/e guardandu sta terra ancora spera. (Nui atri)

Le foto di questo articolo sono tratte dalla mostra Bookhouse, la forma del libro (Catanzaro, 2013).

(L’articolo è stato pubblicato in versione ridotta su www.linkingcalabria.it)

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

25. giugno 2015 by Anna Puleo
Categories: writing and more | Tags: | Leave a comment

Leave a Reply

Required fields are marked *